.
Annunci online

  ilMaLe Non c'è giustizia senza libertà. Il blog di Leonardo Marzorati.
 
Diario
 


PATRIA

 


2 giugno 2012

Incanalare l'edilizia

Costruire sì, ma con criterio

I tragici eventi che hanno sconvolto l'Emilia hanno bisogno di colpevoli. La maggioranza delle vittime dei terremoti sono operai deceduti sul posto di lavoro. Quest'ultimo è un evento che si ripete ogni giorno. In un anno in Italia sono circa 1000 le morti bianche. Il terremoto ha solo alzato la soglia. Operai e tecnici schiacciati da travi di capannoni o fabbricati abbattutisi su se stessi per due scosse di scala 5,8 e 6 di magnitudo. L'ultima classificazione sismica dell'Italia risale al 2006. I sismologi inserirono tutti i comuni interessati dal sisma dei giorni appena scorsi in zona 3 (sismicità bassa). Chi ha costruito stabilimenti e capannoni nella Bassa Padana tra Modena e Ferrara il più delle volte lo ha fatto senza inserire le adeguate strutture antisismiche. Chi lo ha fatto tenendo conto di una mappa che escludeva quasi del tutto la possibilità di forti scosse sul territorio, chi lo ha fatto giusto per risparmiare. Questa è l'Italia. L'Italia è piena di distretti economici capaci di dare un pesante contributo al PIL nazionale. La Brianza, la Marca Trevigiana e giustappunto, la Bassa Modenese. In queste aree, dal boom economico a oggi il territorio è stato sventrato, trasformandosi da zona agricola a un susseguirsi di officine, villette, palazzine e strade. È stato un sacrificio necessario allo sviluppo del Paese. Ogni anno si è visto aumentare la percentuale di cemento seguendo il triangolo case, fabbriche, strade. Negli ultimi anni il lavoro è calato, alcune fabbriche hanno chiuso, ma sono aumentate le case. Sempre più gente sceglie la tranquilla provincia, dove i costi degli immobili sono più bassi e dove non c'è il caos, lo smog e la percentuale di stranieri delle città. Si è andati così trasformando buona parte della Pianura Padana e delle Prealpi in una megalopoli confusa e disordinata. Il tutto grazie al benestare delle amministrazioni locali, troppo spesso in affari con gruppi edili in odore di criminalità organizzata. Fermare la cementificazione selvaggia si può. Lo si deve fare se si vuole salvaguardare il Nord Italia. La lobby dell'edilizia, che porta comunque lavoro a tante famiglie, può essere incanalata nella ricostruzione di stabilimenti, capannoni e abitazioni. Seguendo le corrette valutazioni dei sismografi e non giocando al risparmio tipico di certa Italietta, si può preservare un settore industriale che raramente ha conosciuto crisi nella storia del nostro Paese. Questa riqualificazione andrebbe proposta anche per tutta la fascia appenninica, anche in quel Mezzogiorno che ha bisogno di lavoro come di misure contro i prossimi terremoti. Non voglio passare per uccello del malaugurio, ma la classificazione del 2006 inserì parecchie zone del centro-sud (dall'Umbria al Catanese, passando per il Pollino) nella zona 1 (sismicità alta). Le amministrazioni e l'imprenditoria italiana dovrebbero lavorare guardando al lungo periodo e non al breve come troppo spesso hanno fatto. Per poi piangersi addosso al momento della sciagura.

Leonardo Marzorati




permalink | inviato da ilMaLe il 2/6/2012 alle 14:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

sfoglia     febbraio        agosto
 

 rubriche

Diario
Corsivo
La taverna dell'artista
My sexy lady
Vignette del giorno
Opere
L'eroe del giorno

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

Corrias - Gomez - Travaglio
dOdO
Longobardo
Grandmere
Tess
Lorenza
Paolo Borrello
Efesto
Testa Bislacca
Esperia
Giovanni P.
Ekalix
Blimunda
Adriano Maini
DolceLei
Post-universitari
Jacopo Stissi
Francesco Ratti
Lucilla Pirovano
Sbriciolina
Marco del Ciello
Diego Dantes
Eugi Gufo
Daniela
Valentina Li Puma
malissimo
C.N.I.
Caffefreddo
Ubikindred
Galatea 2
Non avrai il mio scalpo
Viaggio
Gattara
andrea el pablo
Ciociaria
Portos
Gians
Miss Welby
Valentina Demelas
Marzia Cangiano
Milliz
L'ape Giulia
Mokella
Geco
Enzo49
Zanzarana
Francesca Bertoldi
Winston Blu
Le mille e una donna
On the road
Lupo Abruzzese
Corrispondenze
Kataklismi
dawoR
Fabioletterario
Terzo Stato
lafranzine
Giulia
Martenot-Neon
Inutile Blog
Raccoon
Capemaster
Persbaglio
Aislinn
Mietta
Accadde
Zenigada
Rosaspina
LoStonato
Avantè
Codadilupo
Sogniebisogni
Pasquino
Grillo Parlante
Annina
pronta a partire
Raser
Urania
Lou Mogghe
Markino
Giornalettismo
Irlanda
Rip
e=mc2
Adele Parrillo
Eli & Pier
Arciprete
Penna Rossa
Rossoantico
il Povero
Galatea
Triton
Garbo
CastenasoForever
Piergiorgio Welby
Fortezza Bastiani
Alessio Moitre
combatrocker
Stefano Mentana
Zeroboy
Bazar delle parole
poverobucharin
Ombra
ilbaco
Fabio
Calimero
Letizia Palmisano
Annie 80
aegaion
Kurtz
Irek
Marla
La Carezza
Anthemis
Soviet
Kia
Giuseppe Cristallo
Alessandra Lepori
Luca Bagatin
Rojarosevt
Fioredicampo
Isabella
Carmela
Lamellari
Liberolanima
La Piuma
Ninetta
Studium
Esperimento
nuvole barocche
Luigi Rossi
Emanuele e Tiziana
Specchio
Valigetta
Tediodomenicale
Marcoz
Strega Scalza
Ciro Monacella
Espressione
Vulvia
Raissa
Elisa Rebessi
Guevarina
Ambrosia
Alice
Andrea Massironi
Conte
Andrea Ferrari
Jack Leopardi
Alessandro Russo
Roberto Giacchetti
Enrico Brizzi
Toleno
Egine
Francesco Magni

Blog letto 838089 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom